91

Nel 2011 la vera ripresa del mercato immobiliare

Contatta un Agente

Secondo il rapporto immobiliare nomisma, come già dicono i dati di altre recenti rilevazioni, dopo la frenata, la pausa, nel 2010 il mercato immobiliare vede un lento riavvio. intanto le rilevazioni sul campo mostrano questi dati: da febbraio 2008 a febbraio 2009 i prezzi delle case sono scesi del 2,2%, e nei 12 mesi successivi il calo è stato ancora più accentuato, arrivando a -4,1% nelle grandi città e al 3,7% negli altri centri secondo il rapporto le previsioni per quest’anno vedono ancora un calo dei prezzi delle abitazioni del -1,9% ad inizio anno, sull’onda di un primo semestre negativo, ma il secondo sarà positivo, segnando l’1,9% in più nel 2011    i dati dicono che l’italia segue il trend di recupero degli altri paesi come usa e gran bretagna: le grandi città continuano a mostrare una flessione e una sofferenza che al contrario nei piccoli e medi centri, gli immobili di qualità non registrano    il rapporto suggerisca anche che non è in calo la domanda, che invece si mantiene stabile, o addirittura in aumento, il punto è che c’è ancora un grosso stock di offerta che spinge in basso i prezzi. invariata al contrario la redditività lorda degli affitti, stabile al 4,9% lordo    cala il prezzo degli uffici del 3,3% e si riducono anche i canoni d’affitto (-4,6% su base annua). in media occorrono 7,7 mesi per vendere un ufficio e si fanno sconti del 12,4% all’atto della vendita    in tutto il valore del mercato immobiliare italiano ha subito una contrazione del 18,1% (109 miliardi contro i 154 miliardi del 2007) e una perdita di circa 45 miliardi. scendono anche gli investimenti (-10 miliardi) e si sono persi 200 mila posti di lavoro. 150 mila nelle costruzioni e 50 mila nei servizi immobiliari

Condividi