Il mediatore immobiliare

Contatta un Agente

E’ mediatore chi mette in relazione – anche in modo occasionale – due o più parti per la conclusione di un affare senza essere legato ad alcuna di esse da rapporti di collaborazione, dipendenza o rappresentanza.   L’attività di mediazione può essere esercitata solo da chi è iscritto nel Ruolo degli agenti d’affari in mediazione tenuto dalla Camera di Commercio.      Requisiti    Requisiti generali  – Essere cittadino italiano o della Comunità europea o cittadino extracomunitario residente in Italia ed in possesso del permesso di soggiorno    Requisiti morali  – Non essere stato dichiarato interdetto, inabilitato o fallito (salvo riabilitazione)  – Non essere stato condannato per i reati elencati nell’art. 2 della legge 39/89  – Non essere sottoposto a provvedimenti antimafia    Requisiti professionali (in alternativa)  – Diploma di scuola secondaria superiore assieme alla frequenza di un corso di formazione ed al superamento di un esame di idoneità presso la Camera di Commercio.  – Diploma di scuola secondaria superiore assieme ad un periodo di praticantato di almeno dodici mesi continuativi e la frequenza di un corso di formazione professionale (Questa modalità di accesso alla professione non è ancora praticabile per mancanza di regolamentazione da parte del Ministero delle attività produttive).  Quando la mediazione viene esercitata da una società, devono iscriversi nel Ruolo tutti i legali rappresentanti.     L’esercizio dell’attività di mediazione è incompatibile con:  – L’attività svolta in qualità di dipendenti da persone, società od enti, privati o pubblici, ad esclusione delle imprese di mediazione.  – L’esercizio di altre attività imprenditoriali e professionali, escluse quelle di mediazione.

Condividi