Discorso del Ministro dell’economia e delle finanze,

Contatta un Agente

0. Signor Presidente della Repubblica.  Signor Presidente del Consiglio.  Signor Presidente della Corte Costituzionale.  Autorità.  Signore e Signori.  E, naturalmente, e certo non ultimi: Finanzieri!  1. Due temi, per questo discorso.  Due temi, segnati da due parole coerenti con lo spirito del tempo che  tutti stiamo vivendo: la parola regole; la parola disciplina.  2. Le regole  Non abbiamo ancora nell’economia globale, le regole che davvero  servono.  Abbiamo all’opposto – in Europa, in Italia – un eccesso di regole che  davvero non ci servono e che anzi, nel loro insieme quasi sconfinato, ci  danneggiano.  La crisi è stata causata dalla finanza e, a due anni dall’inizio della  crisi, non abbiamo ancora e purtroppo, non abbiamo vere regole per  la finanza.  Molto si è discusso e molto ancora si discute. Troppo poco però è stato  fatto davvero.  Salvo quanto sta avanzando nel Senato e nel Congresso degli Stati  Uniti d’America.  I tempi esterni del dialogo tra gli Stati, ed il tempo della democrazia,  all’interno degli Stati che hanno la democrazia, non coincidono  naturalmente con il tempo istantaneo dell’economia.  3  Ma i tempi della politica internazionale e nazionale devono  assolutamente accelerare, per convergere sui tempi dell’economia.  Devono farlo perché, con la globalizzazione, all’interno dell’economia si  è prodotta una profonda mutazione.  Prima – nell’’800 e poi ancora nel ’900, e dunque fino a pochi anni  fa – la finanza era solo strumentale, al servizio dell’economia reale.  Per ogni operazione reale – il passaggio di proprietà di un barile di  petrolio, di un container di merce, di un bushel di grano, di un titolo  privato o pubblico – c’erano due o tre o al massimo quattro transazioni  finanziarie.  Il pagamento del prezzo, l’assicurazione sullo scambio o sul viaggio,  l’assicurazione contro i rischi di cambio o di tasso.  Oggi non è più così.  Per ogni transazione reale c’è un multiplo altissimo, potenzialmente  illimitato, di transazioni finanziarie, transazioni che prendono la forma  speculativa dei contratti derivati e delle relative varianti.  Oggi, sul mercato, il valore nozionale dei derivati “Over The  Counter” è pari a circa 12 volte il valore del PIL mondiale.  Esattamente come prima del crollo delle piramidi bancarie,  nell’autunno del 2008.  La massa della finanza è cresciuta, e cresce ancora a dismisura e fine  a sé stessa e incombe sull’economia reale, nella forma immanente e  permanente tipica del rischio sistemico.  In quest’anno l’economia ha lentamente ripreso la sua corsa, ma  sull’economia ancora e di nuovo incombe il rischio di un drammatico e  devastante e nuovo fuorigioco della finanza.  La storia del capitalismo passa dai contratti che formalizzano e  sintetizzano gli scambi.  4  Si possono fare tutte le regole, sulla dimensione delle banche, sul  capitale delle banche, sulle tasse per alimentare fondi contro i rischi di  collasso delle banche. Ed anche per limitare la leva finanziaria o  centralizzare o regolare il mercato dei derivati.  E’ tutto necessario, ma non è ancora sufficiente, se permane la  libertà, anzi l’anarchia, sui contratti derivati.  Per tornare ad essere sicuri, si deve fare una regola contabile che  impedisca prima di creare, e poi di mettere in circolo una ricchezza  “futura” che non c’è, se non per chi specula.  Dal criterio attuale del “net present value” si deve passare al più  prudente criterio dell’accrual o – saggezza latina – del “pro-rata”.  E’ questa solo ragioneria?  Non si dimentichi che la parola ragioneria deriva dalla parole ragione.  Ed è la politica che deve farsene una ragione.  Non è poco. A noi sembra tutto.  Su questo, la nostra proposta – una proposta italiana – è stata  avanzata nelle sedi internazionali e la nostra speranza è che venga via  via considerata, da un mondo ed in un mondo che non ha bisogno di  più finanza e di più speculazione.  Ma di più lavoro e di più impresa.  E, per il lavoro e l’impresa, ha bisogno di più sicurezza!  Ancora sulle regole.  I Paesi poveri soffrono, da sempre, un deficit di cibo e di prodotti,  necessari per la loro vita, per il loro sviluppo.  I Paesi ricchi – soprattutto l’Europa ed in Europa l’Italia – soffrono  invece e da alcuni decenni e paradossalmente, soffrono per un  eccesso di regole che ne rendono non più facile, ma più difficile la  vita e ne ostacolano lo sviluppo.  Le regole fondamentali sono un necessario investimento.  Le regole non fondamentali sono invece, ed insieme, un costo ed un  danno.  Qualcosa che non ci possiamo più permettere.  Nel mondo globale c’è la concorrenza e la concorrenza non è più tra  uguali, ma tra disuguali. E tra giganti che la dominano.  Non possiamo più competere – come Europa, come Italia – restando,  pretendendo di restare uguali a prima.  Il mondo è cambiato e noi dobbiamo cambiare con il mondo.  Dobbiamo liberarci dall’illusione di avere o di poter conservare quel  mondo “perfetto” che è stato via via disegnato dai nostri “legislatori”  e dai nostri “regolatori”.  Forse non è romantico, forse non è estetico, forse non è  politicamente corretto.  Ma non possiamo pensare di poter continuare a correre avendo sulle  spalle uno zaino carico delle pietre che noi stessi ci abbiamo messo  dentro.  Come agli albori dell’Europa moderna, di nuovo oggi la “battaglia  per il diritto”, la battaglia tra vecchio diritto e nuovo diritto, è una  battaglia vitale e centrale.  Con una postilla fiscale.  Pur se diverse e particolari, rispetto alla generale regolamentazione  dell’attività economica, anche le regole fiscali vanno ridotte e  semplificate e concentrate in un unico codice, che va fatto.  3. L’altra parola è la parola disciplina.  L’Europa, ed in Europa l’Italia, è un continente che produce più debito  che ricchezza, più deficit che prodotto interno lordo.  6  Non abbiamo alternative alla disciplina.  Non abbiamo alternative alla disciplina nella politica di bilancio e, di  riflesso, nella politica.  Si deve – in Europa, in Italia – ridurre il perimetro ed il peso della  macchina pubblica.  Non per abbattere, ma all’opposto per conservare ciò che abbiamo  ereditato dai nostri padri, la maggiore conquista politica del ’900: lo  stato sociale.  Dobbiamo conservarlo ad ogni costo, nell’essenziale.  Per il resto si dovrà e potrà agire avendo sempre più fiducia nelle  comunità civili non statali, che pure fanno il bene pubblico: nel  volontariato, nelle fondazioni, nel non-profit e, alla fine della  catena, più fiducia nelle famiglie e nel senso di responsabilità delle  persone.  Quello che ci è stato dato dallo Stato sociale in termini di “tempo  libero” e di “pensione anticipata”, lo possiamo e dobbiamo  restituire alla società.  E già lo fanno tantissimi italiani.  Perché, oltre al dovere “fiscale”, ci sono anche, e sempre più  importanti, la logica del dono, la volontarietà e la spontaneità nella  solidarietà sociale.  Nella logica della responsabilità, il federalismo fiscale è parte di  questa filosofia e non l’opposto.  In base alla legge-delega, votata a larga maggioranza l’anno scorso, nei  prossimi giorni, avendo lavorato in silenzio, presenteremo in  Parlamento, oltre ai costi standard per la spesa sanitaria nelle  Regioni, ed oltre agli studi di settore da applicare su tutti i livelli di  governo, presenteremo la bozza del decreto-base del federalismo  fiscale: il ritorno ai Comuni del potere fiscale, nel loro comparto  7  naturale di competenza: nel comparto immobiliare e  territoriale.  Più in generale, la “manovra” ora in discussione in Parlamento non è  solo una manovra per stabilizzare i nostri conti pubblici.  E’ qualcosa di più. E’ la correzione di una tendenza storica:  – meno spesa pubblica;  – meno enti inutili;  – meno spese inutili;  – meno abuso dei soldi pubblici;  – meno evasione fiscale.  E, su questo campo, è stata ed è fondamentale la vostra azione.  Un’azione che è attesa ancora più forte anche per effetto delle nuove  norme di contrasto all’evasione fiscale.  Per la ricerca e per l’università, se configurate come reale  investimento sul futuro, può essere fatta una politica diversa.  Ma, più in generale, in Europa, in Italia, la ricreazione è finita.  Non può continuare, deve finire, l’illusione che la spesa pubblica  sia o possa essere una variabile indipendente dal prodotto interno  lordo.  L’illusione per cui ogni anno si può continuare a spendere più di quello  che si produce nell’anno stesso o più di quello che si è prodotto negli  anni precedenti, tanto qualcuno pagherà.  Questa volta non ci saranno altri a pagare per noi, saremo noi a dover  pagare per noi e con gli interessi.  Per decenni, in Europa, in Italia, drogati dal debito pubblico si è pensato  che la politica fosse indipendente dai numeri, che la politica venisse  prima dei numeri. E questi poi – i numeri – più o meno taroccati, a  seguire.  8  Ora è l’opposto: i numeri vengono prima della politica ed è la politica  che deve adattarsi ai numeri.  9  E’, quella che ora si deve e si dovrà fare, una politica certo più  difficile, rispetto a prima, ma certo anche più nobile.  Il futuro sarà diverso dal presente, ma non sarà peggiore perché,  liberato dalla droga del debito, sarà ispirato dalla ricerca essenziale  di ciò che è vero bene comune, basato su laboriosità, parsimonia,  onestà.  E guidato da una maggiore etica, da una maggiore moralità.  Il 16 febbraio del 1956, a difesa di un bilancio severo, nel Senato  della Repubblica, nel suo ultimo discorso, Ezio Vanoni rispondeva:  “Guai a noi se indulgessimo, in qualsiasi momento, a spese inutili, guai  a noi se indulgessimo in qualsiasi momento, nell’amministrazione  delle entrate del nostro Paese, per considerazioni di tranquillità e di  popolarità. Noi non risolveremo mai i nostri tragici problemi di fondo, se  non sapremo trovare il modo di destinare, nei limiti delle nostre forze,  delle nostre capacità, delle nostre valutazioni, ogni lira disponibile per  il benessere della gente più umile che popola il nostro Paese. Guai a noi,  se nell’amministrare i tributi non sapessimo usare la giusta severità, il  giusto equilibrio nel saper prendere a chi può, per dare a chi ha  bisogno di avere…”.  Al servizio di tutto questo, come allora così ancora una parte non  piccola delle sorti del nostro Paese è affidata anche a voi.  Affidata alla vostra intelligenza ed alla vostra competenza. Affidata al  vostro spirito civile ed al vostro senso del dovere.  Ed è per questo che qui, oggi manifestiamo, ai vostri Comandanti  Generali ed a tutti Voi e – se posso aggiungere, aggiungo di cuore  anche alle Vostre famiglie – è per questo che a tutti oggi manifestiamo  il sentimento:  – della nostra più alta considerazione;  – della nostra più profonda gratitudine.  Viva la Guardia di Finanza.  Viva l’Italia.

Condividi